Ventennale HDS Italia e inaugurazione nuovo Museo il 22 novembre 2014

 
Il 22 novembre 2014 Historical Diving Society Italia celebra i primi vent'anni della propria attività con una manifestazione che durerà tutta la giornata.
L'evento si svilupperà come di seguito indicato:

ore 11,30 Inaugurazione della nuova sede del MAS (Museo Nazionale delle Attività Subacquee) a Marina di Ravenna

ore 14,30 convegno sui vent'anni di attività HDS Italia presso Gran Hotel Mattei a Ravenna

ore 20,00 Serata di gala al Gran Hotel Mattei con Folco Quilici ed Enzo Maiorca intervistati rispettivamente dai giornalisti Sabina Cupi e Mario Cobellini.

 

VENT'ANNI DI ATTIVITA' PER CINQUE SECOLI DI STORIA

Il 22 novembre 2014 Historical Diving Society Italia celebra i primi vent'anni della propria attività con una manifestazione che durerà tutta la giornata.
L'evento inizia il mattino alle ore 11,30 con l'inaugurazione della nuova sede del MAS (Museo Nazionale delle Attività Subacquee) a Marina di Ravenna e prosegue nel pomeriggio al Gran Hotel Mattei di Ravenna con il convegno sui vent'anni di attività HDS Italia, per poi concludesi con una serata di gala, sempre al Gran Hotel Mattei, a cui parteciperanno Folco Quilici ed Enzo Maiorca intervistati rispettivamente dai giornalisti Sabina Cupi e Mario Cobellini.
Il 29 aprile del 1994, veniva costituita a Ravenna The Historical Diving Society Italia, (HDSI) associazione culturale senza fini di lucro, dedicata alla promozione e  diffusione della conoscenza della storia subacquea.
E’ stata la prima realtà associativa italiana totalmente dedicata a tale filone culturale, nato alcuni anni prima nel mondo anglo-americano. 
L’attività di ricerca si è fin dall’inizio focalizzata su studi storici che mettessero in risalto la realtà italiana ricca di evidenze di operatività subacquee, spesso poco conosciute, specialmente dal periodo rinascimentale in poi. 
In altre parole, una rivisitazione critica attraverso i secoli di tutti quegli  antichi testi che evidenziavano come la necessità di immergersi per penetrare l’ambiente acquatico  sia  sempre stata presente nel nostro paese. 
Le motivazioni sono state spesso diverse ma uguali nel tempo: da quella scientifica legata alla conoscenza dell’ambiente marino, a quella dello sfruttamento delle risorse, alla necessità di difesa militare, all’amore sportivo verso un ambiente sconosciuto. 
Le ricerche storiche della HDSI hanno portato alla pubblicazione di numerosi testi capaci di veicolare la cultura storica subacquea ad un sempre più vasto numero di appassionati ma sicuramente il primo passo fu la creazione di una rivista specialistica, unica nel suo genere, la “HDS Notizie” il cui primo numero apparve poco dopo la fondazione dell’Associazione. 
A tutto ciò va aggiunta un’ininterrotta attività organizzativa di mostre tematiche e Convegni sulla Storia dell’Immersione, coprenti i più svariati aspetti della attività subacquea, ricostruendone così non solo le evidenze operative e gli apparati da immersione dei secoli passati ma coinvolgendo direttamente anche quei pionieri di tali discipline che dal primo dopoguerra hanno marcato con la loro imprese il cammino evolutivo del mondo sub, al fine di preservare la loro memoria storica  a beneficio della future generazioni.
A tutto ciò si è unita un’intensa opera di raccolta, preservazione e conservazione di reperti, apparati, documenti e quant’altro riguarda la storia subacquea, portando nel ’98 alla realizzazione del primo Museo Nazionale delle Attività Subacquee, a Marina di Ravenna, a cui è collegata anche una ricca biblioteca  tematica subacquea, frutto di generose donazioni. 
Nel Museo è anche custodito il gesso originale del Cristo degli Abissi, dello scultore Guido Galletti, salvato dalla distruzione grazie all’azione della HDSI. 
Per tutti questi anni il Museo è stato punto focale per eventi, visite studentesche e di appassionati sia nazionali che esteri
E proprio con l’inaugurazione della nuova sede del Museo Nazionale delle Attività Subacquee-MAS, sempre a Marina di Ravenna, realizzata grazie al generoso contributo della Marine Consulting SrL e della Tavar SpA che si apre la giornata celebrativa del ventennale quale positivo segno di continuità e futuro. 
Per l’occasione sarà anche allestita una mostra sulla figura e le opere di quel grande pioniere della tecnologia subacquea che è stato Roberto Galeazzi senior. La mostra è curata da Giancarlo Bartoli, depositario della storia della famiglia. 
Ma la celebrazione del ventennale non è solo un evento revocativo dell’attività passata ma è anche un incontro con tutti coloro che in questi anni hanno contribuito al successo della missione culturale dell’HDSI, in primis, quei pionieri della subacquea, i nostri HDSI Awards, che nell’arco di ben tredici convegni nazionali abbiamo avuto modo di ascoltare, emozionandoci ai loro racconti di vita, alle loro imprese che hanno aperto la strada alle nuove generazioni sub. Divideremo con loro questo momento di festa. 
AnteprimaAllegatoDimensione
invito_ventennale.pdf567.77 KB

Immagini casuali dalle Gallerie fotografiche...

1933 - Porto di Plimouth Oneglia - 1946 - Recupero petroliera francese per società So.Ri.MaRitratto in passeggiataBastia 1950 operazione di recupero del rimorchiatore "Gaber"Capezzali in autoscattoRegia Scuola dei Palombari del Varignano - anni '30