HDS ITALIA: Promuove la conoscenza della storia dell'immersione

HDS Italia sarà presente all'EUDI Show 2016 a Bologna dal 4 al 6 Marzo

Anche quest'anno Historical Diving Society Italia sarà presente con un suo stand al Salone Europeo della Subcquea e, come gli anni precedenti verrà allestita una mostra tematica. Quest’anno la mostra sarà dedicata alla storia della foto-cine sub italiana e allestita esponendo quanto di meglio è conservato al MAS (Museo delle Attività Subacquee) di Ravenna.
Sarà una magnifica occasione per valutare in prima persona quali straordinari progressi abbiano compiuto in un secolo e qualche anno la fotografia e la cinematografia subacquea, due settori la cui evoluzione è andata di pari passo con quella delle attrezzature per l’immersione e dei materiali.
La mostra sarà visitabile gratuitamente per tutta la durata del salone.

Auguri da HDS Italia

Tornano ad essere esposte le torrette al MAS

sono esposte, una Campana iperbarica utilizzata per lavori subacquei svolti in saturazione, una torretta ed una batisfera normobariche per l'osservazione ed il lavoro sottomarino. Il tipo di torretta più conosciuto che ha vissuto la storia di queste esplorazioni è stata certamente la Torretta Butoscopica costruita nel 1929 dalla ditta Italiana Galeazzi (il prossimo anno verrà aperta una mostra al MAS), gia conosciuta in campo mondiale per le sue realizzazioni di apparati subacquei. L'idea iniziale della torretta si deve al capo palombaro della ditta SORIMA, Alberto Gianni che con i palombari delle navi da recupero Artiglio, entro nella storia, riuscendo a strappare a 130 metri di profondità dal relitto dell'Egypt in Atlantico, un enorme tesoro, arrivando la dove mai nessuno era giunto prima a lavorare. Plymouth. L'arrivo dell'Artiglio con il primo carico dell'oro recuperato dall'Egypt

 https://www.youtube.com/watch?v=7jAtbNym5QQ

Incontri con la storia - Cena conviviale con GUIDO GAY il 12 dicembre

Si terrà il 12 dicembre 2015 alle 19,30 presso il Grand Hotel Mattei a Ravenna la serata conviviale con l'ing. Guido Gay, scopritore del relitto della corazzata RN Roma ed ideatore di avanzate tecnologie per la ricerca marina il alto fondale.

Si tratta del secondo appuntamento del ciclo "Incontri con la storia" che organizza HDS Italia dopo l'incontro con il giornalista e regista Folco Quilici che si è svolto nel 2013 sempre a Ravenna.

La seratà iniziera alle 19,30 con un aperitivo per poi proseguire con la presentazione di Federico De Strobel, moderatore della serata e vide presidente HDS Italia, che cederà la parola all'ing. Guido Gay il quale presenterà esclusive immagini e filmati sulle più recenti ispezioni del relitto della corazzata Roma e sulle nuove scoperte del sommergibile britannico HMS Saracen e del piroscafo trasporto truppe Francesco Crispi ottenuti grazie alle tecnologie da lui sviluppate.

Il prezzo della cena è di € 30,00

 Scarica la locandina della manifestazione.

“Mall for Sea” - La storia della subacquea in mostra al Centro Commerciale ESP di Ravenna

Dal 7 al 25 ottobre 2015, il Centro Commerciale Esp ospita , una grande mostra con allestimenti ludico-didattici progettata in collaborazione con l’Acquario di Genova, la Costa Edutainment, la Capitaneria di Porto di Genova, e che nella tappa ravennate vede anche la partecipazione del MAS, Museo Nazionale delle Attività Subacquee di Marina di Ravenna.

“Mall for Sea” - che letteralmente significa “centro commerciale per il mare” - è il secondo grande appuntamento che nell’anno dell’Expo il Centro Commerciale di Ravenna dedica al tema del cibo, delle risorse alimentari, del diritto ad un’alimentazione sana, sicura e sufficiente per tutti gli abitanti della Terra.  
L’Esp trasformerà la sua galleria tanto che ai visitatori sembrerà di essere finiti dentro l’ambiente marino - con la sua fauna e la sua flora - in un viaggio, appunto, al centro del mare. Scenografie a tema, totem, oggetti museali, riproduzioni di pesci, pannelli informativi sui vari tipi di pesci del nostro mare, video HD e touch screen con giochi interattivi accompagneranno il pubblico alla scoperta del mare e insegneranno come fare un uso sostenibile delle risorse marine per “nutrire il pianeta”.
Fra gli allestimenti anche la riproduzione di un sottomarino, Yellow Submarine, all’interno del quale prenderà vita un Cinema 3D dove saranno trasmessi filmati coinvolgenti ed emozionati sul mare, le sue profondità e i suoi fantastici abitanti, commentati da esperti.

 

Ci ha lasciato il Socio onorario di HDS Italia Francesco Alliata Principe di Villafranca

Si è spento nella sua residenza di famiglia a Bagheria all’età di 95 anni Francesco Alliata, principe di Villafranca. Recentemente era uscito per Neri Pozza il suo libro “Il Mediterraneo era il mio regno. Memorie di un aristocratico siciliano“.

Regista di cortometraggi subacquei, fondò la Panaria film con Roberto Rossellini che produsse i film Vulcano e La carrozza d’oro. I funerali si svolgeranno a Palermo, nel cimitero di Sant’Orsola.

Era Socio Onorario di HDS Italia.

Un interessante articolo, in HDS Notizie n.18 del gennaio 2001 a cura di Alberto Romeo ne racconta le avventure subacque e ciò che ha saputo realizzare con i ragazzi della "Panaria Film" 

La mostra "Luigi Ferraro, Eroe di guerra e Pioniere delle Attività Subacquee" al MAS di Marina di Ravenna

Sabato 2 maggio, alle ore 17 presso il MAS - Museo Nazionale delle Attività Subacquee sarà inaugurata, all'interno della Sala mostre tematiche, la mostra su Luigi Ferraro dal titolo "Luigi Ferraro, Eroe di guerra e Pioniere delle Attività Subacquee", realizzata insieme alla Fondazione Luigi Ferraro.
La mostra si sviluppa attraverso undici panelli che ripercorreranno la vita di questo nostro pioniere e attraverso l'esposizione di reperti legati all'attività militare come ad esempio un Apparecchio di Respirazione ad Ossigeno utilizzato dagli incursori del "gruppo Gamma", il berretto di lana che sorregge la rete di mascheramento, una riproduzione dei bauletti esplosivi utilizzati per minare le navi nemiche con un'esemplare originale di galleggiante in dotazione, le prime pinne utilizzate in quelle "missioni" e da attrezzature da lui inventate come la maschera Pinocchio e le pinne Rondine con relative schede tecniche, il fucile Jaguar adottato nel film "Operazione Tuono" della serie 007 di James Bond ed ancora un ARO degli anni settanta della Technisub di tipo ciclico in grado di fornire, attraverso l'erogazione automatica o dal by-pass in manuale, ossigeno al subaqueo.
1914 – 2006  Eroe di Guerra, Pioniere delle Attività Subacquee, Inventore, Imprenditore.
Per chi oggi decida di dedicarsi alle attività subacquee è inconcepibile non usare maschere e pinne, è ovvio iscriversi ad un corso sub per imparare e sarà poi naturale frequentare un diving center. Tutti ci aspettiamo che per un'emergenza subacquea intervengano i Sommozzatori dei Vigili del Fuoco o dei Carabinieri. Chi ha reso possibile tutto ciò è Luigi Ferraro un Uomo che è stato prima di tutto un Eroe della II Guerra Mondiale, decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare per aver attaccato da solo quattro navi affondandone tre e poi, ma solo cronologicamente, dal 1945 fino alla sua scomparsa nel 2006, un Pioniere di tutte le attività subacquee alla cui diffusione ha interamente dedicato la sua vita.
E’ stato dal 1947 ai primi anni ‘80  uno dei più fertili inventori di attrezzature subacquee. Ha creato per Cressi la Rondine, la prima pinna a scarpetta e la Pinocchio, la prima maschera con il naso sagomato in gomma. Per la Technisub la “Caravelle”, la prima pinna in due materiali, smontabile a mano; le maschere “Nova” e “Bella” che hanno rivoluzionato la tecnologia costruttiva; la torcia “Vega” la più diffusa al mondo; un ARO con concetti  innovativi; ha brevettato negli erogatori la regolazione dell’iniezione e l'utilizzo dell'effetto Venturi; gli Idrodyn, palloni di sollevamento; TS 80 un GAV che già nel 1977 controllava l’assetto idrostatico con un Monocomando Fisso.
Ha avuto l’intuizione di fondare la specialità dei Vigili del Fuoco Sommozzatori organizzando e dirigendo nel 1952 il 1° Corso. Crea a tale scopo il metodo didattico di insegnamento in seguito divenuto la didattica ufficiale di diverse federazioni subacquee ed adottato ancor oggi. Grazie a lui, gli italiani furono a livello internazionale la prima organizzazione non militare a dotarsi di sommozzatori per scopi civili. Istruì nel 1953 anche i primi Carabinieri Subacquei e Guardie di Finanza.
Nello sport ha contributo in maniera determinante a diffondere e far crescere il nuoto pinnato. Organizza, nel 1951, la prima gara in mare e successivamente la “100 Km. dell’Adriatico” gara a tappe a staffetta in otto giorni. Nel 1957 organizza il 1° Campionato Italiano e nel ’60 il 1° Campionato del Mondo. Inventa nel ‘49 la specialità dell’Orientamento Subacqueo organizzando la prima gara del genere e nel 1952 la prima gara di apnea della storia. Ha difeso i record di profondità in apnea quando alcuni ne negavano l’utilità e ne ha impedito l’abolizione confutandone la tesi e mettendo in campo tutto il suo prestigio ed autorità.
Fonda insieme ad alcuni amici il primo circolo subacqueo italiano, l’U.S.S. Dario Gonzatti.  Nel 1949 convince la Federazione Italiana Pesca Sportiva ad accettare i subacquei nelle sue fila e ne rimane per oltre vent’anni responsabile occupandosi di didattica, nuoto pinnato, caccia subacquea, record di profondità e portando la Federazione a posizioni di rilievo in campo internazionale. E’ uno dei fondatori nel 1959 della CMAS (Confederazione Mondiale delle Attività Subacquee) di cui è Vice-Presidente per molti anni.
Nel 1948 all’isola d’Elba crea la prima scuola al mondo di subacquea civile e il primo diving center. Nel ’50 alle Tremiti la prima crociera-scuola della storia.
Come imprenditore fonda nel 1962 la Technisub, divenuta una fra le più importanti del settore per innovazioni e qualità della sua produzione.
Sulla sua vita sono stati scritti i libri “Luigi Ferraro un italiano” e “Dominare gli istinti” di G.Cafiero – Ed.Ireco; “Luigi Ferraro un eroe del mare” di M.Zamorani - Ed.Mursia. Sulla creazione dei Vigili del Fuoco Sommozzatori esiste il lbro “Una Fiamma Negli Abissi” scritto da Luigi Ferraro stesso con Giorgio Chimenti – Ed.Ireco. E’ stato girato un film “Mizar” ispirato alle sue azioni belliche. 

#invasionidigitali al Museo delle Attività Subacquee

#invasionidigitali al Museo delle Attività Subacquee di Marina di Ravenna (RA) è un evento speciale: si tratta dell'unico museo in Italia gestito da HDS - Historical Diving Society.Pezzo forte della vasta collezione è il "Cristo  degli Abissi" opera di Guido Galeatti, la cui copia in bronzo giace nei fondali della Baia di San Fruttuoso, nella piccola baia di Portofino, simbolo riconosciuto della subacquea mondiale. La collezione museale ospita uno scafandro rigido articolato della ditta Galeazzi, stampe d'epoca e foto che illustrano la nascita dei siluri a corsa lenta detti "maiali", usati dagli incursori italiani nella seconda guerra mondiale.  Inoltre troviamo un'ampia testimonianza di custodie stagne per macchine fotografiche (alcune costruite artigianalmente negli anni '50 ed altre tra le prime di tipo industriale) e una delle prime camere di decompressione (un monoposto della ditta"Galeazzi"). E molto altro ancora. A farci da guida sarà Vincenzo Cardella, consigliere della HDS Italia. Con la collaborazione di @ig_emiliaromagna e @igers_ravenna

Immersioni in alta quota il 6 marzo 2015 al MAS

Venerdì 6 marzo, alle ore 21 presso la Sala Auditorium "Giuseppe Di Stefano" del Centro Civico - contiguo al Museo - di Marina di Ravenna in piazzale Marinai d'Italia 19, si terrà l'incontro promosso dal "MAS - Museo Nazionale delle Attività Subacquee", dal titolo "Immersioni in alta quota, videoproiezioni di immersioni nei laghi ai confini del cielo".
L'incontro, sarà preceduto, alle ore 20,30 da una visita guidata al Museo.

Commissario federale FIPSAS A/R e di immersione quota-ghiacci, istruttore di 3°grado, istruttore di speleosub  e di varie discipline subacquee, Elvio Dardanelli ama definirsi soprattutto un esploratore di laghi ai confini del cielo.

Sono oltre quindici anni ormai che le sue stagioni estive sono concentrate sulla sistematica esplorazione, in assoluta autonomia e quasi sempre in solitaria, dei laghi alpini d'alta quota.

Specchi d'acqua nascosti tra le rocce, specchi del cielo dove camosci e stambecchi sono di casa.

Dove e' bello finanche fermarsi per ascoltare il rumore del vento, assaporando a volte i brividi di un freddo quasi amichevole, l'aria pulita, frizzante e intorno, sopra tutto, il silenzio..



Elvio Dardanelli ha pubblicato: "Immersioni in alta quota" con Editoriale Olimpia ed ha curato il "Manuale federale d'immersione in quota", collana FIPSAS, con La Mandragora Editrice.

MAS
Museo Nazionale delle Attività Subacquee
Piazzale Marinai d'Italia, 16
per informazioni: tel. 338.7265650
museo@hdsitalia.org
Marina di Ravenna

www.hdsitalia.org
https://www.facebook.com/groups/354221231299130/?ref=bookmarks

- La serata è aperta a tutti, e l'ingresso è gratuito.

- Mappa di Marina di Ravenna, ampio parcheggio sul retro del MAS: da via IV Novembre, svoltare a sinistra per via Garibaldi, proseguento alla destra per via Volturno: https://www.google.it/maps/place/Marina+di+Ravenna+RA/@44.4843546,12.27815,328m/data=!3m1!1e3!4m2!3m1!1s0x477dfad2b657d6d5:0xa6e8070a90159e93

PANERAI - Il tempo degli Eroi

Subacquea e storia hanno molto in comune e anche l'Eudi, dopo 23 anni, ne avrebbe di cose da raccontare e di personaggi da ricordare. Ecco perché, anche per la nuova edizione del 2015, la grande fiera della subacquea ha l'onore di ospitare l'Historical Diving Society Italia che, con il patrocinio di Eudi Show e Assosub, proporrà una mostra tematica all'interno del suo stand dal titolo: "Panerai, il tempo degli eroi" di cui è curatore Fabio Vitale insieme agli amici Gianfranco Vitali e Cesare Zen.

Grazie alla disponibilità di uno dei maggiori collezionisti internazionali di attrezzature subacquee, i visitatori dell'Eudi avranno un'occasione unica per vedere oggetti oramai introvabili e scoprire o riscoprire, secondo i casi, una ditta storica come le Officine Panerai che oggi molti conoscono unicamente come produttrice di orologi di altissimo livello.

Fondata nel 1860 a Firenze da Giovanni Panerai, la ditta si specializzò sin dall'inizio in lavorazioni meccaniche di alta precisione e di orologeria. Negli anni Venti del Novecento nacque la Guido Panerai & Figlio di cui faceva parte Giuseppe Panerai (il figlio) che inventò il Radiomir, un procedimento per rendere autoluminosi quadranti di strumenti, congegni di mira e reticoli per cannocchiali. L'invenzione attirò l'attenzione della Regia Marina dando l'avvio ad una collaborazione che, in campo subacqueo, ha davvero fatto la Storia (e la S maiuscola è davvero meritata). Nacquero così straordinari orologi subacquei destinati ad essere utilizzati dagli equipaggi dei mezzi d'assalto della Xa Flottiglia MAS, e che furono al polso di uomini indimenticabili come Luigi Ferraro.

Oltre agli orologi la Panerai progetta e fornisce altri oggetti da polso quali bussole e profondimetri continuando poi nel dopoguerra a collaborare con la rinata Marina Militare Italiana fornendo ai reparti speciali apparecchiature e orologi sempre più perfetti, bussole, profondimetri, torce.

Nello stand dell'HDS Italia, durante i giorni dell'Eudi Show, sarà dunque possibile percorrere la storia di questa grande azienda che ha legato il suo nome a uno dei periodi più affascinanti della storia subacquea del nostro Paese e che ha segnato la nascita del nostro sport. Nelle vetrine dello stand si potranno ammirare rarissimi pezzi del periodo bellico e post bellico, orologi, profondimetri, bussole, torce, timer e molto altro, intervallati da attrezzature (alcuni rari pezzi appartenuti alla Decima Flottiglia MAS) e documenti che faranno da contorno arricchendo una mostra che si annuncia unica e che sarebbe un peccato perdere.

Scomparsa Lotte, moglie di Hans Hass

E' morta a Vienna all'età di 86 anni l'austriaca Lotte Hass, la prima modella subacquea, pioniera dello snorkeling esotico. Con il suo aspetto grazioso e lunghi capelli piondi fu la compagna ideale di Hans Hass (1909-2013), celebre zoologo, oceanografo e fotografo austriaco, pioniere nella ripresa e nella fotografia subacquea, biologo e documentarista. Lotte Hass, sposata in seconde nozze, partecipò alle spedizioni oceanografiche del marito, acquistando così una grande notorietà tanto che le furono offerti anche contratti a Hollywood che però lei rifiutò. (Da La Stampa del 20 gennaio 2015)

Il Marito Hans Hass, a cui HDS Italia aveva conferito l'HDS Award nel 1997, era scomparso nel 2013.

Auguri

Spinti dalla passione per il "mondo sommerso" e la sua storia, anche quest'anno siamo riusciti a fare molta strada.
Merry Christams and a Happy New year from HDS Italia

NUOVO MUSEO E VENTENNALE HDS ITALIA


Si è inaugurata sabato 22 novembre 2014 la nuova sede del MAS - Museo Nezionale delle Attività Subacquee - sito in Piazza Marinai d'Italia 16, a Marina di Ravenna. Il trasferimento nella nuova sede, nella piazza principale della località balneare, è stato possibile grazie al considerevole sostegno di Marina Consulting, Unicredit, Tavar, Fratelli Righini e Bambini Srl. L'inaugurazione è avvenuta in occasione della celebrazione per il Ventennale della Historical Diving Society Italia, costituitasi nel lontano 1994 a Marina di Ravenna. La giornata è inziata alle 11,30 presso il nuovo Museo con il taglio del nastro e la benedizione da parte del Parroco di Marina di Ravenna. Alla cerimonia hanno presenziato il Sindaco, il Vice Sindaco e il Prefetto di Ravenna oltre a rappresentanti delle Assiciazioni e delle Forze Armate che in questi anni hanno collaborato con HDS Italia. Il nuovo museo si è arricchito di: veicolo filoguidaro Pluto donato dall'ing. Guido Gay del Gay Marine, di un articolato per grandi profondità della ditta Galeazzi oltre che al Cristo degli Abissi già presente nella vecchia sede. Nel primo pomeriggio, presso la sala conferenze del Gran Hotel Mattei si è svolto il convegno sui primi vent'anni di attività di HDS Italia al quale, dopo il saluto del Vice Sindaco e del Comandante del ComSubIn (Comando Subacquei Incorsori), ed una relazione del Vice Presidente Federico De Strobel, sono intervenuti Francesco Sodini in rappresentanza della Fondazione Artiglio Europa, Domenico Matarese per Associazione Nazionale Subacquei della Marina Militare in Congedo, Paolo Colantoni Presidente dell'Accademia delle Sciente e delle Tecniche Subacquee ed Elisa Giovannetti dell'Archivio di Stato di Ravenna. Il convegno si è chiuso alle ore 18,30 con gli interventi di Silvio Bartolotti di Micoperi ed Alessandro Bosco di Rana Diving. La giornata si è poi conclusa con una cena di gala alla quale hanno preso parte anche Enzo Maiorca e Folco Quilici intervistati rispettivamente da Mario Cobellini e Sabina Cupi.

La galleria completa della giornata è disponibile al seguente LINK.

Ventennale HDS Italia e inaugurazione nuovo Museo il 22 novembre 2014

 
Il 22 novembre 2014 Historical Diving Society Italia celebra i primi vent'anni della propria attività con una manifestazione che durerà tutta la giornata.
L'evento si svilupperà come di seguito indicato:

ore 11,30 Inaugurazione della nuova sede del MAS (Museo Nazionale delle Attività Subacquee) a Marina di Ravenna

ore 14,30 convegno sui vent'anni di attività HDS Italia presso Gran Hotel Mattei a Ravenna

ore 20,00 Serata di gala al Gran Hotel Mattei con Folco Quilici ed Enzo Maiorca intervistati rispettivamente dai giornalisti Sabina Cupi e Mario Cobellini.

 

VENT'ANNI DI ATTIVITA' PER CINQUE SECOLI DI STORIA

Il 22 novembre 2014 Historical Diving Society Italia celebra i primi vent'anni della propria attività con una manifestazione che durerà tutta la giornata.
L'evento inizia il mattino alle ore 11,30 con l'inaugurazione della nuova sede del MAS (Museo Nazionale delle Attività Subacquee) a Marina di Ravenna e prosegue nel pomeriggio al Gran Hotel Mattei di Ravenna con il convegno sui vent'anni di attività HDS Italia, per poi concludesi con una serata di gala, sempre al Gran Hotel Mattei, a cui parteciperanno Folco Quilici ed Enzo Maiorca intervistati rispettivamente dai giornalisti Sabina Cupi e Mario Cobellini.
Il 29 aprile del 1994, veniva costituita a Ravenna The Historical Diving Society Italia, (HDSI) associazione culturale senza fini di lucro, dedicata alla promozione e  diffusione della conoscenza della storia subacquea.
E’ stata la prima realtà associativa italiana totalmente dedicata a tale filone culturale, nato alcuni anni prima nel mondo anglo-americano. 
L’attività di ricerca si è fin dall’inizio focalizzata su studi storici che mettessero in risalto la realtà italiana ricca di evidenze di operatività subacquee, spesso poco conosciute, specialmente dal periodo rinascimentale in poi. 
In altre parole, una rivisitazione critica attraverso i secoli di tutti quegli  antichi testi che evidenziavano come la necessità di immergersi per penetrare l’ambiente acquatico  sia  sempre stata presente nel nostro paese. 
Le motivazioni sono state spesso diverse ma uguali nel tempo: da quella scientifica legata alla conoscenza dell’ambiente marino, a quella dello sfruttamento delle risorse, alla necessità di difesa militare, all’amore sportivo verso un ambiente sconosciuto. 
Le ricerche storiche della HDSI hanno portato alla pubblicazione di numerosi testi capaci di veicolare la cultura storica subacquea ad un sempre più vasto numero di appassionati ma sicuramente il primo passo fu la creazione di una rivista specialistica, unica nel suo genere, la “HDS Notizie” il cui primo numero apparve poco dopo la fondazione dell’Associazione. 
A tutto ciò va aggiunta un’ininterrotta attività organizzativa di mostre tematiche e Convegni sulla Storia dell’Immersione, coprenti i più svariati aspetti della attività subacquea, ricostruendone così non solo le evidenze operative e gli apparati da immersione dei secoli passati ma coinvolgendo direttamente anche quei pionieri di tali discipline che dal primo dopoguerra hanno marcato con la loro imprese il cammino evolutivo del mondo sub, al fine di preservare la loro memoria storica  a beneficio della future generazioni.
A tutto ciò si è unita un’intensa opera di raccolta, preservazione e conservazione di reperti, apparati, documenti e quant’altro riguarda la storia subacquea, portando nel ’98 alla realizzazione del primo Museo Nazionale delle Attività Subacquee, a Marina di Ravenna, a cui è collegata anche una ricca biblioteca  tematica subacquea, frutto di generose donazioni. 
Nel Museo è anche custodito il gesso originale del Cristo degli Abissi, dello scultore Guido Galletti, salvato dalla distruzione grazie all’azione della HDSI. 
Per tutti questi anni il Museo è stato punto focale per eventi, visite studentesche e di appassionati sia nazionali che esteri
E proprio con l’inaugurazione della nuova sede del Museo Nazionale delle Attività Subacquee-MAS, sempre a Marina di Ravenna, realizzata grazie al generoso contributo della Marine Consulting SrL e della Tavar SpA che si apre la giornata celebrativa del ventennale quale positivo segno di continuità e futuro. 
Per l’occasione sarà anche allestita una mostra sulla figura e le opere di quel grande pioniere della tecnologia subacquea che è stato Roberto Galeazzi senior. La mostra è curata da Giancarlo Bartoli, depositario della storia della famiglia. 
Ma la celebrazione del ventennale non è solo un evento revocativo dell’attività passata ma è anche un incontro con tutti coloro che in questi anni hanno contribuito al successo della missione culturale dell’HDSI, in primis, quei pionieri della subacquea, i nostri HDSI Awards, che nell’arco di ben tredici convegni nazionali abbiamo avuto modo di ascoltare, emozionandoci ai loro racconti di vita, alle loro imprese che hanno aperto la strada alle nuove generazioni sub. Divideremo con loro questo momento di festa. 

HDS Italia presente alle iniziative di Goletta Verde 2014

In occasione della tappa di Goletta Verde a Marina di Ravenna, nelle giornate del 5 - 6 e 7 agosto, il Museo Nazionale delle Attività Subacquee sarà presente con proprio materiale.

Maggiori informazione sul programma delle manifestazioni disponibili a questo link 

http://www.legambiente.emiliaromagna.it/2014/07/21/goletta-verde-2014-a-marina-di-ravenna/ 

Academy Award 2014 ad Historical Diving Society Italia

E' di pochi giorni fa la comunicazione ufficiale con cui l'Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee ci ha informato che 

Historical Diving Society Italia è stata insignita del loro "Academy Award 2014".
L'award ci è particolarmente gradito in quanto è un autorevole e prestigioso riconoscimento ai primi venti anni di attività di Hdsi (1994-2014) nel perseguire la sua mission di recuperare, diffondere e conservare la nostra storia subacquea.
Desideriamo quindi ringraziare tutti coloro hanno contribuito in questi anni al conseguimento di questo sorico risultato, rigraziamo quindi tutti i collaboratori, i Soci e chi ha creduto nell'Associazione

La cerimonia di conferimento Tridente d'Oro e Academy Awards 2014 avrà luogo:

Sabato 27 settembre 2014
presso l'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna -

Eventi al Museo Nazionale delle attività subacquee

Il 23 Aprile, in occasione della gionata mondiale del libro, presso il museo HDS Italia un Palombaro lettore ha intrattenuto i più piccoli con storie provenienti dal fondo del mare.

Il prossimo appuntamento sarà per il 5 maggio alle ore 17.00 con "Un amico in fondo al mare" - visita al Museo con il curatore Vincenzo Cardella

Grande mostra a Capoliveri sui reperti del Polluce


Il Museo del Mare di Capoliveri, posto nei locali “SottoLaPiazza”, sarà inaugurato sabato 26 aprile alle ore 16.30 con una grande mostra sul tesoro del Polluce recuperato da HDS italia nel 2005. 

La mostra, posta nei locali “SottoLaPiazza” e curata dalla Soprintendenza Archeologica della Toscana e dal Comune di Capoliveri, sarà inaugurato sabato 26 aprile alle ore 16.30 e rivelerà, per la prima volta al pubblico preziosi e magnifici reperti provenienti dal relitto del piroscafo Polluce in parte provenienti dal un sequestro e in parte recuperati da HDS Italia nel 2005. 

La complessa vicenda storica ricostruita nelle grandi teche della mostra, parte dall'affondamento del piroscafo commerciale Polluce, avvenuto nel 1841 a poche miglia al largo di Capo Calvo, nelle acque territoriali di Capoliveri, alla profondità di 102 metri. 

Intorno al relitto si è dipanata nei decenni una fitta trama di fatti avvolti spesso nel mistero, tra avvincenti colpi di scena, storie di marineria, pirateria, intuizioni investigative e complicati ritrovamenti. 
La mostra di Capoliveri offre una rilettura critica che permetterà al grande pubblico di poter apprezzare il valore del prezioso carico negli anni lungamente conteso.

I bambini si entusiasmano visitando il museo

Pubblichiamo, con orgoglio, un paio di commenti lasciati negli ultimi giorni da bambini in visita al museo. Grazie ad Anna, Pietro e Giovanni.

Lo scafandro rigido articolato Galeazzi torna al Museo HDSI

In considerazione del fatto che il 2014 è il XX anniversario di Hdsi (che sarà celebrato con un evento che si svolgerà a Ravenna sabato 25 ottobre 2014) e del fatto che nel 2015, dall’1 al 10 maggio, Ravenna sarà la “Capitale del Mare”, la Marina Militare Italiana ha concesso in affidamento ad Hdsi il loro scafandro rigido articolato Galeazzi affinchè sia esposto nella sala a loro dedicata del Museo.

Lo scafandro appena giunto a Marina di Ravenna è stato subito esposto nel Museo, nello spazio a lui riservato. Chi fosse interessato a visitare il museo deve contattare il curatore: Vincenzo Cardella (tel 338.72.65.650 – biblioteca@hdsitalia.org )

Immagini casuali dalle Gallerie fotografiche...

Gruppo di lavoro diretto dal palombaro Falorni Augusto a Bastia per la società "Careda"Ritratto in passeggiataMostri Marini n. 6Mostri Marini n. 11Mostri Marini n. 5Minguzzi in esercitazione
Condividi contenuti