HDS ITALIA: Promuove la conoscenza della storia dell'immersione

Incontri con la storia subacquea - Serata conviviale con Lamberto Ferri Ricchi

E’ organizzato per il giorno 2 dicembre 2017 il quarto incontro del ciclo “Incontri con la storia” organizzato da The Historical Diving Society Italia che prevede una serata di gala in compagnia del geologo, tecnologo  e pioniere della speleologia subacquea Lamberto Ferri Ricchi.

Nel corso della serata che sarà preceduta da un gustoso aperitivo, nelle pause fra le portate della cena, l’ospite della serata intratterrà i partecipanti sugli aspetti avventurosi, tecnico e scientifici e sulle esplorazioni e sugli importanti risvolti in campo naturalistico, archeologico e turistico.

L'evento si terrà, come le precedenti edizioni, presso il Grand Hotel Mattei di Ravenna ove, negli spazi adiacenti la sala che ospiterà l'incontro serale, saranno esposte le opere fotografiche premiate al VI Trofero Fotografico Andrea Ghisotti HDSI.

Vi invitiamo pertanto caldamente a partecipare a questo evento che sarà anche occasione per riabbracciare vecchi amici, conoscerne altri e, per chi lo desiderasse, visitare il MAS - Museo Nazionale delle Attività Subacquee - situato a Marina di Ravenna in Piazzale Marinai d’Italia nella sua nuova sede di 300 mq. inaugurata nel 2014

Informazioni e prenotazioni:

per la serata - eventi@hdsitalia.org - tel. 339.988.8935

per la visita al MAS - Vincenzo Cardella tel. 338.726.5650

<--break->

La rivista di The Historical Diving Society Italia

La HDS Italia pubblica, già dal 1995, questa interessante rivista che tratta esclusivamente argomenti legati alla storia dell'immersione nei suoi molteplici aspetti.

All'interno della rivista, trova il suo spazio, la rubrica "Visite al MAS".

Una camera iperbarica Galeazzi proveniente dal MAS per l'addestramento dei Vigili del Fuoco

Lunedì 23 ottobre si è concluso presso il Centro Iperbarico di Ravenna la formazione sulla medicina iperbarica dei partecipanti al XXVII Corso Basico Allievi Sommozzatori Vigili del Fuoco e del XIV Corso Istruttori Sommozzatori Vigili del Fuoco.

Alle spalle dei partecipanti, la capera iperbarica multiposto donata a HDS Italia per il MAS dall'Universita di Chieti. Il prof. Piergiorgio Data che fu titolare della cattedra di Medicina Subacquea ed Iperbarica, utlizzò questa camera iperbarica per le prime sperimentazioni iperbariche e ipobariche.

Una finestra sul MAS

Da diversi mesi il nostro bel museo delle attività subacquee rimane illuminato dal tramonto all'alba.

Avvicinatevi alle vetrine e scoprirete quanto il MAS ha da offrirvi anche di notte.

Oltre a scrutare nella prima sala dedicata al Cristo degli Abissi, potrete informarvi su mostre, convegni e serate incontro con la storia della subacquea, passate, presenti e future, scoprire appuntamenti e programmi culturali dal mondo subacqueo e magari potrete interessarvi a qualche buon libro. 

Scaricate le informazioni dai codici QR che trovate sulle due vetrine e godetevi il mondo sottomarino. Dal codice QR di HDS Italia, potrete scaricarae gratuitamente in formato pdf la nostra rivista culturale HDS Notizie.

App Scopriretemusei

VII TROFEO ANDREA GHISOTTI HDSI 2018

Sono aperte le iscrizioni al Trofeo Andrea Ghisotti HDSI 2018.

Il Trofeo intende premiare la foto e il reportage che meglio interpretino in modo personale lo spirito del famoso fotogiornalista Andrea Ghisotti: studio, passione, un buon colpo d'occhio e curiosità, perché anche il dettaglio apparentemente più banale può raccontare nuove storie.

L'invito è quindi di raccogliere il testimone e raccontare a modo proprio il mare, i relitti e la storia.

Le iscrizioni si chiudono il 31 gennaio 2018. La premiazione avverrà a Eudi Show 2018, partner dell'evento.

Per iscriversi, è necessario prendere visione del regolamento e inviare il materiale richiesto unitamente alla scheda di partecipazione compilata e firmata-Per info e contatti: trofeoghisotti@hdsitalia.org

Una visita speciale al MAS - XXVII Corso Basico Nazionale per Allievi Sommozzatori dei Vigili del Fuoco

Francesco Cinelli - “Nato per il Mare” - IRECO - 2017

“Un libro bellissimo, la storia delle storie di Francesco Cinelli, lo scorrere delle disavventure, tra il serio e il divertito, di un uomo che ha passato la sua vita ad inseguire il mare scappando dalla terra che lo teneva prigioniero. Un libro denso di emozioni, un lungo viaggio intorno al blu che inizia nell’entroterra umbro per finire nella riserva marina di Ras Mohammed nel Sinai egiziano, ma solo dopo aver solcato in profondità i mari di tutto il mondo, alla scoperta di un nuovo motivo per meravigliarsi e meravigliare.”

(Luisa Cavallo, Tridente d’Oro)

Attilio Rinaldi - "Atlante della fauna e flora marina dell'Adriatico nord-occidentale" - Editrice La Mandragora - 2017

Viene proposto un nuovo Atlante sulla fauna e la flora del mare Adriatico. Esaurita la precedente edizione uscita nel 2012, si è ritenuto non opportuno provvedere a una semplice ristampa, ma bensì ampliare e integrare la precedente con nuove informazioni. Oltre a tante nuove specie, i riferimenti spaziali sono stati estesi al basso Veneto (la bassa laguna di Venezia e l’area delle Tegnùe), alla parte settentrionale delle Marche (sino all’area sottesa al Conero) e alle acque aperte. In quest’opera vengono descritti 820 organismi; oltre a quelli che nel mare vivono se ne rappresentano tanti altri che con il mare hanno, considerando gli aspetti territoriale e fisiografici, un rapporto inscindibile: tra questi gli uccelli marini, poi le piante superiori presenti sulle dune litoranee, i molluschi terrestri e quelli dulciacquicoli presenti sulla vegetazione dunale e nelle retrostanti aree umide. Nella quasi totalità dei casi sono stati fotografati nel loro ambiente naturale, il modo migliore per evidenziarne le caratteristiche e le abitudini. Il volume, pur avendo un taglio volutamente divulgativo, ha anche l’ambizione di descrivere il contesto geografico ed ecosistemico del nostro mare, un insieme di condizioni ambientali che aiutano a comprendere la sua complessità. Nel corredo introduttivo vengono trattate le caratteristiche dell’alto Adriatico, la sua morfologia, lo stato fisico-chimico e biologico delle sue acque, le correnti, i fondali, le principali interazioni tra processi biologici ed ecologici. Vengono trattate le specie animali marine potenzialmente pericolose. Sono descritte in modo dettagliato alcune specie simbolo, quelle da sempre impresse nella nostra memoria: i cavallucci marini, i delfini e i gabbiani. Sono richiamati fenomeni quali la tropicalizzazione e i cambiamenti climatici, processi che da tempo stanno generando effetti sorprendenti nei mari e negli oceani di tutto il pianeta. Tutto questo e altro lo troverete in questa nuova edizione dell’Atlante dedicato alla fauna e alla flora marina dell’Adriatico nord-occidentale. L’autore, biologo marino e subacqueo, ha saputo coniugare rigore scientifico con i principi di una corretta divulgazione, è riuscito a tradurre nozioni complesse in concetti semplici.

Luigi Fabbri - "Le attrezzature subacquee nel loro tempo 1930-1990" - IRECO - 2016

Prodotti, avvenimenti, personaggi protagonisti dell’evoluzione della subacquea
Un libro che descrive gran parte delle attrezzature che hanno percorso la storia della subacquea dai tempi dei pionieri, con moltitudine di splendide fotografie provenienti gran parte dalla collezione dell’autore.
Scorrendo le pagine del libro, leggendone i testi e ammirando le immagini, tutti i sub potranno ripercorrere la storia della subacquea moderna. I più maturi forse con un opo’ di nostalgia e quelli meno maturi o giovanissimi meravigliandosi di come il tutto abbia avuto inizio.

Faustolo Rambelli Presidente Hiostorical Diving Society Italia.

PortoLaScuola 2017 al MAS

Una visita guidata speciale alla scoperta dell'esposizione museale.


Anche quest'anno il MAS ha partecipato a  Portolascuola, iniziativa organizzata dal Circolo Velico Ravennate che nel 2017 è giunta alla settima edizione.

L'evento rappresenta un'occasione unica per riscoprire antiche tradizioni ed eccellenze contemporanee, permettendo alle nuove generazioni di essere consapevoli del grande valore dell'area del porto per tutta la collettività.

Una moneta che vale un tesoro al MAS

Una Sterlina d'oro proveniente dal tesoro dell'Egypt, donata a HDS Italia dal Socio Onorario Elio Galeazzi.

La moneta esposta al MAS è corredata da certificato firmato dal Presidente della Società Ricuperi Marittimi, Giovanni Quaglia.

La Sterlina fu recuperata dagli uomini della nave Artiglio il 22 giugno 1932 a 130 metri di profondità La moneta con il suo cofanetto e certificato fu omaggiata dal Presidente della Società Ricuperi Marittimi Giovanni Quaglia ai collaboratori che presero parte a questo incredibile recupero terminato nel 1935.

Plymouth. L'arivo dell'Artiglio con il primo carico dell'oro recuperato dal carico dall'Egypt:

Donazioni per il MAS

Prossimamente, terminata la fase di restauro, la piazza antistante il MAS si andrà ad arricchire di questi due reperti.

Campana per immersioni in saturazioneCamera iperbarica 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A sinistra la campana per immersioni in saturazione donata ad HDSI per il MAS dalla Marine Consulting di Mezzano (RA).

A destra la camera iperbarica donata ad HDSI per il MAS dall'Università di Chieti. Il prof. Piergiorgio Data, che fu titolare della cattedra di Medicina Subacquea ed Iperbarica, utilizzava questa camera per le prime sperimentazioni iperbariche e ipobariche.

Premiazione Trofeo Andrea Ghisotti

Si è tenuta domenica 5 marzo alle ore 16.30 presso il Palco Oceano all'Eudi Show la premiazione del 6° Trofeo Andrea Ghisotti HDSI. questi i risultati:

CATEGORIA FOTO SINGOLA
1° classificato - PRIMO CARDINI
2° classificato ex aequo - ALDO FERRUCCI
2° classificato ex aequo -  DOMENICO TRIPODI
3° classificato - ROBERTO SPINSANTI

CATEGORIA REPORTAGE
1° classificato - MARCO BARTOLOMUCCI
2° classificato - CLAUDIO GRAZIOLI
3° classificato - MARCO PAGANO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

EUDI Show 2017 e la mostra sulle attrezzature del palombaro

Anche quest'anno l'associazione HDS Italia (The Historical Diving Society www.hdsitalia.org) si appresta a ricordare a tutti i visitatori di Eudi Show la storia e le origini di quella straordinaria attività che è la subacquea attraverso una mostra destinata a riscuotere lo stesso successo di quelle che l'hanno preceduta nelle precedenti edizioni della grande fiera della subacquea. Grazie a HDS Italia e alle collezioni di due storici soci, Fabio Vitale e Gianfranco Vitali che si sono avvalsi della collaborazione di Cesare Zen, socio e consigliere di HDSI, la mostra organizzata per EUDI 25 racconterà il corredo del palombaro mediante "un viaggio in questa nobile arte attraverso strane e spesso mai viste attrezzature". Il titolo è già esplicativo di questo piccolo percorso storico che sarà dedicato al mestiere del palombaro, un'arte che ha ancora molto da raccontare e che non è, per fortuna, del tutto scomparsa. Abituati ad attrezzature sempre più tecnologiche, i subacquei di oggi che hanno la fortuna di potersi muovere autonomamente, e quasi sempre senza cavi di collegamento a strutture esterne, potranno scoprire quella miriade di attrezzature grandi e piccole che costituivano il corredo dello scafandro da palombaro vero e proprio e che andavano a completare l'elmo, forse la componente più nota del corredo di quegli arditi operatori del mare, insieme alla tuta, al collare e ai pesanti scarponi con cui questi uomini straordinari si spostavano sul fondo. Si tratta di oggetti strettamente legati al lavoro/mestiere del palombaro e che il pubblico solitamente non ha mai avuto occasione di vedere, dai più noti e famosi coltelli che verranno esposti in diversi esemplari e che nell'immaginario di tanti servivano a difendersi da squali e piovre, alle cassette di pronto soccorso o dei ricambi, ai tirapolsini, strumenti meno appariscenti di altri, ma fondamentali per far scivolare i polsini a imbuto in gomma del vestito senza correre il rischio di lacerarli. E poi i telefoni, le lampade, le scarpe, le zavorre, le lane da indossare sotto il vestito e ovviamente a corredo non mancherà qualche elmo con il suo vestito. Appuntamento per tutti a Bologna dal 3 al 5 Marzo 2017 presso lo Stand HDS Italia per un tuffo nella storia della subacquea e per riscoprire sia le nostre origini sia quanto i sub ricreativi e tecnici di oggi debbano a questi pionieri dell'esplorazione sottomarina.

Ciao “poeta del mare” - Franco Nanni ricorda Enzo Maiorca

Franco Nanni – Enzo Maiorca – Faustolo RambelliQualche giorno fa è venuto a mancare una pietra miliare del mondo sotto il mare, Enzo Maiorca. Franco Nanni, vice presidente del Centro Iperbarico di Ravenna, ha voluto rendergli omaggio scrivendo queste righe: una raccolta di racconti di una vita, un abbraccio forte a un amico che se n’è andato. 

Ho incontrato per  la prima volta Enzo Maiorca in occasione di una sua conferenza negli anni 60. Ci aveva affascinato con i suoi racconti.  Ho condiviso con lui comuni interessi e le stesse passioni. In varie occasioni abbiamo parlato dei nostri idoli di gioventù Folco – Novelli che fra l’altro ispirarono Enzo ad intraprendere i suoi primati d’immersione.

La FIPS, la federazione sportiva che allora controllava le attività subacquee, mi mandò a fine anni 60 a controllare uno dei suoi record, nelle acque di Ognina vicino a Siracusa.
Fu un’esperienza esaltante, come del resto ogni volta che incontravo Enzo.  Era un piacere parlare con lui.
Rimasi impressionato quando lo invitai a Ravenna per una conferenza organizzata dalla Sub Delphinus. Pianificammo una cena fantastica con i succulenti piatti romagnoli. Enzo per allenare il suo carattere al sacrificio ci guardò a mangiare tutti quei beni di Dio e lui consumò un’insalata scondita. - continua la lettura -

3° appuntamento "Incontri con la storia subacquea"

Dopo il primo incontro con lo scrittore e regista Folco Quilici e il secondo con l'Ing. Guido Gay, scopritore del relitto della "RN Roma", quest'anno, sabato 26 novembre, HDS Italia avrà come ospite il Dott. Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale, Soprintendente del Mare della Regione Sicilia nonché attuale, Presidente dell'Accademia di Scienze e Tecniche Subacquee.

Il Dott. Sebastiano Tusa presenterà il suo libro ”Primo Mediterraneo” e mostrerà in esclusiva immagini e filmati sulle più recenti campagne archeologiche nei mari della Sicilia. Federico De Strobel, Vice Presidente di Historical Diving Society Italia sarà il moderatore della serata

Al termine della serata, all'ospite verrà conferito l'HDS Italia Award.

L'evento si terrà, come le precedenti edizioni, presso il Grand Hotel Mattei di Ravenna ove, negli spazi adiacenti la sala che ospiterà l'incontro serale, saranno esposte diverse opere fotografiche di Andrea Ghisotti e dove alcuni pannelli sulle campagne archeologiche del dott. Tusa anticiperanno l'incontro conviviale.

Vi invitiamo pertanto caldamente a partecipare a questo evento che sarà anche occasione per riabbracciare vecchi amici, conoscerne altri e, per chi lo desiderasse, visitare il MAS - Museo nazionale delle attività subacquee - situato dal 2014 a Marina di Ravenna in Piazza Marinai d’Italia, nella sua nuova sede di 300 mq.

Vi invitiamo pertanto caldamente a partecipare a questo "III Incontro"

Informazioni e prenotazioni:

per la serata - eventi@hdsitalia.org - tel. 339.988.8935
per la visita al MAS - Vincenzo Cardella tel. 338.726.5650

Trofeo Andrea Ghisotti

VII EDIZIONE

ISCRIZIONI APERTE FINO AL 31 GENNAIO 2018

 

Il VII concorso “Trofeo Andrea Ghisotti – HDSI 2018”, promosso e organizzato da THE HISTORICAL DIVING SOCIETY ITALIA premia la foto e il reportage che meglio sappiano interpretare lo spirito di passione per il mare, i relitti, la storia e la subacquea, che animò ininterrottamente il lavoro del famoso giornalista e fotografo Andrea Ghisotti.

Il concorso è suddiviso in due categorie:

- FOTO SINGOLA

- REPORTAGE (3 foto corredate da un testo della lunghezza massima di 2000 battute)

Il materiale e la scheda di iscrizione, compilata in ogni sua parte, vanno inviati entro e non oltre il 31 gennaio 2018 a trofeoghisotti@hdsitalia.org

REGOLAMENTO E SCHEDA: scaricabili in pdf in fondo alla pagina.

 


HDS Italia sarà presente all'EUDI Show 2016 a Bologna dal 4 al 6 Marzo

Anche quest'anno Historical Diving Society Italia sarà presente con un suo stand al Salone Europeo della Subcquea e, come gli anni precedenti verrà allestita una mostra tematica. Quest’anno la mostra sarà dedicata alla storia della foto-cine sub italiana e allestita esponendo quanto di meglio è conservato al MAS (Museo delle Attività Subacquee) di Ravenna.
Sarà una magnifica occasione per valutare in prima persona quali straordinari progressi abbiano compiuto in un secolo e qualche anno la fotografia e la cinematografia subacquea, due settori la cui evoluzione è andata di pari passo con quella delle attrezzature per l’immersione e dei materiali.
La mostra sarà visitabile gratuitamente per tutta la durata del salone.

Auguri da HDS Italia

Tornano ad essere esposte le torrette al MAS

Sono esposte, una campana iperbarica Drass-Galeazzi utilizzata per lavori subacquei svolti in saturazione, una torretta normabarica Kalin ed una batisfera normobarica Pagani-Percassi per l'osservazione ed il lavoro sottomarino. Il tipo di torretta più conosciuto che ha vissuto la storia di queste esplorazioni è stata certamente la Torretta Butoscopica costruita nel 1929 dalla ditta Italiana Galeazzi (il prossimo anno verrà aperta una mostra al MAS), gia conosciuta in campo mondiale per le sue realizzazioni di apparati subacquei. L'idea iniziale della torretta si deve al capo palombaro della ditta SORIMA, Alberto Gianni che con i palombari delle navi da recupero Artiglio, entro nella storia, riuscendo a strappare a 130 metri di profondità dal relitto dell'Egypt in Atlantico, un enorme tesoro, arrivando la dove mai nessuno era giunto prima a lavorare. Plymouth. L'arrivo dell'Artiglio con il primo carico dell'oro recuperato dall'Egypt

 https://www.youtube.com/watch?v=7jAtbNym5QQ

Immagini casuali dalle Gallerie fotografiche...

Recupero del palombaroEsercizio del pendoloMinguzzi in esercitazioneMostri Marini n. 4Mostri Marini n. 51954 - Il palombaro Falorni Augusto (al centro) a bordo della nave da recuperi "Lucia Venturi"
Condividi contenuti